Lotta integrata

Etichetta di dominio
Etichetta Grammaticale
Sintagma (s.f. + agg.)
(4)
Definizione
La protezione integrata e' una strategia con la quale si mantengono le popolazioni di organismi nocivi al di sotto della soglia di tolleranza, sfruttando i meccanismi naturali di regolazione e utilizzando metodi di difesa accettabili dal punto di vista ecologico, economico e tossicologico.
(2)
Nota
La lotta integrata è un sistema di controllo degli organismi dannosi che utilizza tutti i fattori e le tecniche disponibili per mantenere le loro popolazioni al di sotto di densità tali da comportare danno economico, dando la priorità a fattori di limitazione, parassiti predatori naturali ed alle soglie di danno. Si tratta quindi di un metodo di razionalizzazione dell'uso delle risorse fitoiatriche, siano esse di natura chimica, biologica, fisica, agronomica o biotecnologica. Questo sistema di lotta si basa sull'utilizzazione di un principio attivo (chimico o biologico) solo quando il parassita raggiunge, sulla coltura, una determinata "soglia economica", intendendosi per essa il momento in cui il costo dell'intervento è comunque inferiore al reale danno economico che si avrebbe se non fosse eseguito il trattamento stesso. La migliore conoscenza dei cicli biologici dei parassiti, degli animali utili, dell'ospite ed il comportamento della entomofauna dannosa e utile, sono i presupposti di questa lotta mirata che consente un notevole risparmio sia per il minor numero di trattamenti (30 - 50 % in meno), sia per i minori danni all'ambiente. Il controllo delle popolazioni del parassita e degli eventuali suoi antagonisti deve essere fatto in particolari momenti e con varie tecniche. Nell'Azienda Agraria Didattica dell'Istituto, viene effettuato un monitoraggio 2 volte a settimana attraverso delle trappole sessuali le quali, catturando i maschi adulti, con opportuni parametri, forniscono le soglie entro le quali non intervenire. Il sistema delle trappole feromoni viene impiegato per i principali parassiti del melo e delle drupacee: Carpocapsa, Eulia, Cydia Molesta, Sesia, Capua, Litocollete e Cemiostoma. Altro sistema adottato è il controllo visivo tramite il quale si riesce a notare la presenza ed il numero di eventuali predatori della specie dannosa per le colture; se ci sono predatori in numero tale da contenere il parassita, anche in questo caso, non si procede al trattamento. Quando, in casi estremi, l'uso del trattamento chimico fosse indispensabile, i prodotti chimici che vengono impiegati, devono essere compatibili con i principi fondamentali della lotta guidata integrata e quindi devono:
- possedere caratteristiche di buona selettività, cioè efficaci contro la specie che si vuole ridurre a densità accettabili, senza causare azione di disturbo agli organismi utili (insetti pronubi, parassitoidi, predatori);
- essere facilmente denaturati dall'azione biochimica del terreno e fisica dell'atmosfera;
- essere usati razionalmente preferendo periodi di distribuzione sfasati rispetto alla presenza di nemici naturali (es. trattamenti invernali).
(3)
Contesto
La lotta integrata, quindi, coinvolge le competenze di più discipline con un unico obiettivo: la protezione delle piante dalle avversità, salvaguardando gli interessi economici e la salute pubblica, nel rispetto dell’ambiente.
(3)
Trascrizione fonetica
[lòt|ta in|te|grà|ta]
Sinonimi/Antonimi
Termine associato: Agricoltura integrata
Ente
Università degli studi di Genova
Data di elaborazione della scheda
2013-06-20
Autore
Elisa Lavagnino
Fonti

Ritorna alla Barra di Navigazione